Documento senza titolo EBILCOBA - Ente Bilaterale Colf e Badanti
Chi siamo
L'avvocato risponde
CCNL Colf
Prestazioni
Iscrizioni
Utility
Contatti
CCNL su iPhone

175 MILA ROMANI coinvolti nella nuova determinazione di ClCLASSAMENTO e RENDITA CATASTALE degli immobili




NUOVI CONTRIBUTI INPS PER I LAVORATORI DOMESTICI


A partire dal 1° gennaio 2014 sono in vigore i nuovi contributi INPS per i lavoratori domestici da versarsi sempre con cadenza trimestrale.

Rimane invariata la differenza tra il contratto a tempo indeterminato e quello a tempo determinato, ove i contributi sono in misura maggiore, a meno che il lavoratore non sia stato assunto in sostituzione di altro temporaneamente assente.

Invariate restano anche le modalità di pagamento, nonché quelle di determinazione dei contributi che sono dovuti sempre in proporzione alle ore lavorate.

Il lavoratore, il cui datore ha regolarmente versato i contributi, potrà accedere a tutte le prestazioni previste dalla legge, quale la pensione, la copertura assicurativa in caso di malattia, invalidità, infortunio o maternità, nonché l’indennità di disoccupazione e gli assegni per il nucleo familiare (ANF), e ciò in attuazione dell’art. 38 della Costituzione, secondo cui “ I lavoratori hanno diritto che siano preveduti e assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità, vecchiaia e disoccupazione involontaria”.

Clicca qui per le tabelle CONTRIBUTIVE

Aumento aliquota Iva dal 21% al 22%


Il Consiglio dei Ministri convocato per il 27 settembre 2013 che portava all`ordine del giorno il rinvio dell`aumento al 1° gennaio 2014, non ha assunto alcuna decisione in proposito, confermando nei fatti l`aumento al 22% già a decorrere da martedì 1° ottobre 2013 (ex articolo 11 del D.L. 28.6.2013 n. 76 convertito nella Legge 9.8.2013 n. 99). Restano invariate le aliquote agevolate fissate al 4% e al 10%. L’articolo 40, comma 1-ter del decreto legge 6 luglio 2011 n. 98 (come da ultimo modificato dall’art. 11, comma 1, lett. a) del decreto legge 28 giugno 2013, n. 76) ha disposto l’aumento dell’aliquota Iva ordinaria dal 21 al 22% a decorrere dal 1° ottobre 2013. Pertanto tutti gli operatori economici dovranno applicare la nuova aliquota. Come già indicato in passato, quando entrò in vigore l’aliquota ordinaria del 21%, qualora nella fase di prima applicazione ragioni di ordine tecnico impediscano di adeguare in modo rapido i software per la fatturazione e i misuratori fiscali, gli operatori potranno regolarizzare le fatture eventualmente emesse e i corrispettivi annotati in modo non corretto effettuando la variazione in aumento (art. 26, primo comma, del DPR n. 633 del 1972). La regolarizzazione non comporterà alcuna sanzione se la maggiore imposta collegata all’aumento dell’aliquota verrà comunque versata nei termini indicati dalla circolare n. 45/E del 12 ottobre 2011, cui si rinvia per gli ulteriori chiarimenti.

• Come iscriversi
• Modulo di versamento
• Chi è il lavoratore domestico
• Denuncia di assunzione
• Come si calcola il contributo
• Come si versa
• Estratto conto del lavoratore
• F24 pagamento
• Prestazioni per dipendenti
• Prestazioni per datori di lavoro
• Rimborso diretto alla cassa
• Rimborso tramite organizzazioni sindacali
• Modulistica
• Cosa fare prima dell'assunzione
• L'assunzione
• Sanzioni amministrative e civili
• I diritti del lavoratore domestico
• Cessazione del rapporto di lavoro
• Tfr e previdenza integrativa
• Contributi ed agevolazioni fiscali
• Trattamento economico
• Trattamnto di malattia
• Maternità
Home
Chi siamo
L'avvocato risponde
CCNL Colf
Prestazioni
Iscrizioni
Utility
Contatti
CCNL su iPhone
EBILCOBA
Ente Bilaterale Colf e Badanti | Via Barberini, 29 - 00187 Roma - c.f 97429430586
Tel.: 06 485611 (r.a.) - Fax: 06 4746062 | email: info@ebilcoba.it